«Discipline » Karate | Karate bambini | Tai Chi Chuan | Difesa Personale | Funcional Training

Discipline - Difesa personale: fasi

 

1. Preparazione atletica e condizionamento fisico: è evidente che la capacità di reagire in maniera adeguata alle più disparate e spesso imprevedibili forme di aggressione non può prescindere da una adeguata preparazione del nostro corpo. Dobbiamo, infatti, tenere presente che ogni nostra azione si avvale del nostro io fisico, ed è chiaro che se esso è pronto ed allenato i risultati saranno ottimali. Inoltre, la consapevolezza di un adeguato stato corporeo andrà ad incidere sulla nostra emotività dandoci sicurezza.

Parallelamente alla preparazione puramente atletica il praticante dovrà abituare la propria mente alle sensazioni che potranno essere inviate dal fisico quando questo si troverà in situazioni di particolare difficoltà. Dovrà così, per quanto possibile essere allenata la capacità di convivere, in certi momenti, con il dolore e la fatica.

2. Sviluppo delle capacità coordinative: di fondamentale importanza, affinché la nostra reazione possa risultare efficace, è il possesso di un adeguato controllo corporeo. Ogni potenziale aggressione è, infatti, un evento a se stante unico ed irripetibile. La situazione, così come ricostruita nella fase allenante, non sarà mai esattamente la stessa di quella reale. Per questo è necessaria un elevata capacità coordinativa che ci consenta di adattare le nostre conoscenze tecniche alla situazione di specie, adattamento che dovrà compiersi in frazioni di secondo.

3. Sviluppo del proprio controllo emotivo: la capacità di mantenere il controllo sulla propria emotività è presupposto essenziale affinché sia possibile sfruttare le potenzialità di difesa acquisite con l’allenamento degli altri fattori. E’ evidente che se il panico, una pulsione aggressiva, l’insicurezza o anche un eccesso di sicurezza dovessero avere il sopravvento, la possibilità di compiere azioni errate e inadeguate saranno elevatissime. Mediante la pratica regolare delle arti marziali è possibile migliorare quotidianamente le nostre capacità di autocontrollo, così come la propria autostima.

4. Studio della tecnica marziale: la capacità di reagire ad una situazione di difficoltà non potrà prescindere dall’apprendimento di un bagaglio di tecnica marziale, che quanto più sarà ampio tanto più permetterà al praticante preparato di poter scegliere tra un ventaglio di possibili reazioni quella più efficace nel momento specifico.

 M° Enrico Vivoli

 

«Discipline » Karate | Karate bambini | Tai Chi Chuan | Difesa personale | Funcional Training