«Discipline » Karate bambini | Tai Chi Chuan | Difesa Personale | Funcional Training

Karate - Specializzazione Kumite

 

Esercitarsi nel combattimento vuol dire migliorare la propria capacità di risolvere i problemi, vuol dire riuscire a comprendere il contesto in cui ci troviamo, a muoversi orientati in esso, anziché subirlo

IL KARATE-DO è un'arte marziale intesa a formare il carattere attraverso la pratica, perciò il Karateka è effettivamente in grado di sormontare qualsiasi ostacolo, sia esso tangibile o intangibile.

Il Karate-do è un'arte di autodifesa a mani nude in cui braccia e gambe vengono preparate sistematicamente al punto che l'attacco improvviso di un avversario può essere controllato con un'efficacia non dissimile da quella che possono dispiegare le armi moderne. Il Karate-do è un'attività fisica che rende il Karateka padrone di tutti i movimenti del corpo come il piegarsi, saltare, rimanere in equilibrio, muovere gli arti e il corpo in avanti e indietro, a destra e sinistra, verso l'alto e verso il basso, liberamente e uniformemente. Le tecniche del Karate-do sono  controllate dalla forza di volontà del Karateka e giungono al bersaglio spontaneamente e con precisione.

corsi karate

L'essenza del Karate è il Kime. Kime significa eseguire un attacco esplosivo diretto al bersaglio impiegando la tecnica appropriata e la massima potenza nel lasso di tempo più breve. (Molto tempo fa era in uso l'espressione "ikken hissatsu" che significava "uccidere con un solo colpo", ma dedurne che lo scopo del Karate sia quello di uccidere è pericoloso oltre che sbagliato.

Occorre ricordare che i Karateka del passato potevano praticare il Kime quotidianamente e con rigorosa disciplina grazie all'impiego del Makiwara. Il Kime può essere effettuato percuotendo, colpendo di pugno o di calcio, ma anche parando. Una tecnica carente di Kime non può in nessun modo venire considerata vero Karate, e non importa quanto questa esteriormente possa sembrare tale. Le gare non fanno eccezione tuttavia è contrario alle regole giungere al contatto vero e proprio per il pericolo che ciò comporta.

Sun-dome significa arrestare la tecnica appena prima del contatto del bersaglio (Sun equivale a circa tre centimetri). Ma non portare una tecnica al Kime non è vero Karate e di conseguenza il problema consiste nel come sanare la contraddizione che sussiste tra Kime e Sun-dome. La risposta è questa: Il bersaglio si stabilisce convenzionalmente appena prima del punto vitale dell'avversario. Lo si potrà allora colpire controllando nello stesso tempo il colpo, senza arrivare al contatto. L'allenamento trasformava le varie parti del corpo in altrettante armi che possono venire impiegate liberamente e con efficacia. Ma la qualità necessaria a realizzare tutto questo è l'autocontrollo. Per vincere occorre innanzi tutto vincere se stessi.

 

«Discipline » Karate bambini | Tai Chi Chuan | Difesa Personale | Funcional Training